Basilicata, consentiti spostamenti verso le seconde case

04-05-2020

POTENZA – I cittadini della Basilicata potranno andare nelle case vacanza di loro proprietà per svolgere lavori di manutenzione. Lo prevede l’ordinanza numero 21 emanata dal presidente Vito Bardi, valida da oggi, lunedì 4 maggio e fino al 17. “Sono consentiti – spiegano dalla Regione -, nell’ambito del territorio regionale, gli spostamenti verso le seconde case di proprietà utilizzate per vacanza, per il tempo strettamente necessario per lo svolgimento di attività di manutenzione ordinaria e straordinaria, di riparazione o sostituzione di parti necessarie per la tutela delle condizioni di sicurezza e della conservazione dei beni in essere”. Anche per il settore del trasporto pubblico locale, la Regione Basilicata darà “attuazione di quanto previsto dall’articolo 1, comma 1, lett. ff del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 26 aprile 2020, a decorrere dal 4 maggio 2020”. Capitolo rientri: i concessionari di trasporto pubblico e privato e di noleggio autoveicoli dovranno fornire alla regione i nominativi e i recapiti dei viaggiatori che fanno ingresso in Basilicata provenendo da altre regioni. Nel medesimo atto sono previste novità anche per altri settori. I lucani proprietari di imbarcazioni potranno spostarsi all’interno della regione verso cantieri, depositi di rimessaggio e porti per effettuare, anche in questo caso, lavori conservativi e sempre per il periodo di tempo necessario al loro svolgimento. “Sono consentiti – ancora la regione -, per il tempo strettamente necessario, gli spostamenti in ambito regionale da parte del proprietario o degli addetti per le attività di conservazione, manutenzione, rimessaggio, riparazione e sostituzione di parti necessarie per la tutela e conservazione delle unità da diporto e delle attività propedeutiche allo spostamento all’ormeggio, dei natanti, delle imbarcazioni e delle navi da diporto di proprietà presso cantieri, depositi di rimessaggio e porti. Tali attività possono essere svolte, ferme le discipline di settore, esclusivamente nel rispetto di tutte le norme di sicurezza relative al contenimento da contagio da Covid-19″. Si potranno anche portare gli animali domestici presso veterinari e servizi di toelettatura, rispettando alcune regole: “previo appuntamento, distanziamento sociale senza contatto diretto all’atto della consegna dell’animale e nel pieno rispetto della disciplina di settore e delle misure sanitarie e di sicurezza. E’ esclusa la permanenza del proprietario dell’animale all’interno della struttura che fornisce il servizio durante l’attesa per il ritiro. Detta attività può essere svolta esclusivamente nel rispetto di tutte le norme di sicurezza relative al contenimento da contagio a Covid-19”. L’ordinanza di Bardi prevede anche “una volta al giorno e per non più di due componenti del nucleo familiare”, l’uscita per la gestione di terreni agricoli e allevamenti di animali. E ancora: sono consentire, purché in forma individuale, la caccia al cinghiale (abbattimento selettivo) e la raccolta di funghi, tartufi e asparagi. Consentito – come da Dpcm – l’allenamento in forma individuale degli atleti professionisti e non, “in strutture pubbliche o private a porte chiuse”. Inoltre, “è consentita, in ambito regionale, l’attività sportiva e motoria in luogo aperto, anche con bicicletta o altro mezzo, ivi compresa l’attività di pesca sportiva e dilettantistica, sia da terra che in acque interne o in mare, fermo restando il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno due metri per l’attività sportiva e di almeno un metro per le altre attività”. Inoltre – e sempre in applicazione del Dpcm 26 aprile – sono consentite la ristorazione da asporto e le attività di manutenzione di aree verdi naturali e stabilimenti balneari.


Andrea Polizzoinfopinione